Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
  Partecipa
BACK

Puntare sulle eccellenze per far ripartire l’economia italiana

mercoledì 29 Lug 2020

Cesare Bisoni illustra il ruolo di UniCredit come parte della soluzione nello scenario post Covid

“Gli effetti della pandemia di Covid-19 sull’economia italiana e internazionale saranno significativi. Avrà un impatto su tutti i settori, compreso quello finanziario. Come banca stiamo giocando un ruolo importante come parte della soluzione per far ripartire l’economia”. E’ quanto afferma il nostro Presidente Cesare Bisoni in un suo intervento in esclusiva su Ripartel’italia.

“Il sistema bancario Italiano oggi – continua Bisoni – è molto più forte. UniCredit, grazie al successo del piano strategico Transform 2019, ha dimostrato una forte resilienza all’impatto di questa crisi grazie al progressivo rafforzamento patrimoniale, alla costante riduzione dei rischi e alla trasformazione digitale.  Così abbiamo continuato a supportare i nostri clienti anche in un contesto senza precedenti come quello legato allo svilupparsi della pandemia”.

Con il Decreto Liquidità, ad esempio, UniCredit ha previsto nuove soluzioni, sia per i finanziamenti fino a 30 mila euro sia per quelli fino a 800 mila e 5 milioni di euro garantiti dal Fondo Centrale di Garanzia e da SACE; ha erogato quasi di 1,5 miliardi di euro a circa 71 mila aziende italiane che hanno presentato richiesta di finanziamento fino a 30 mila euro. Il Gruppo ha, inoltre, accolto in Italia circa 205 mila domande di moratoria per un controvalore di 23,9 miliardi di euro a famiglie e imprese.

Con l’attenuazione della fase di emergenza sanitaria, occorre ora saper guardare al futuro e far ripartire la macchina economica. Per farlo è necessario ripartire dalle eccellenze e far sì che facciano da traino per l’economia italiana. UniCredit è pienamente impegnata a sostenere le economie in cui è presente e a contribuire alla ripartenza “dal basso verso l’alto”, a partire da quelle aziende che costituiscono l’importante spina dorsale delle nostre economie..

(Tutti i dati sono aggiornati al 30 giugno 2020)